Cieli di Parole

Rivista di scrittura, cinema, TV e tutto quanto fa cultura

17 novembre 2010

SerialMania, la fiction formato libro

Di Fabio Fox Gariani

Nella cornice giovane e dinamica dell’ottava edizione del Telefilm Festival che si è tenuta a Milano dal 7 al 9 maggio 2010, presso l’Apollo Spazio Cinema nel cuore del capoluogo lombardo, tra ospiti internazionali delle serie televisive del momento, conferenze stampa, dibattiti e anteprime di nuove stagioni, spiccava tra i presenti al festival la presenza di RTI Mediaset con i suoi prodotti editoriali. L’ultima fatica sono quattro volumi della nuova collana SERIALMANIA riccamente illustrati. Per saperne di più abbiamo parlato con Chiara Longhi, Licensing, Merchandising e Prodotti Editoriali di  RTI Mediaset.



Quando nasce l'idea del progetto editoriale "Serialmania"?
La mia generazione (i nati ai primi degli anni Settanta) è stata forse la prima a potersi dire "cresciuta" davanti alla tv. Per noi bambini questo viavai quotidiano attraverso il tubo catodico non era di personaggi di fantasia, ma questi andavano a costituire progressivamente, impercettibilmente, una sorta di enorme famiglia allargata mediatica. E come nelle migliori famiglie, quando uno zio, un cugino scompare, è inevitabile chiedersi: "che fine ha fatto"? Ed è la domanda che ci siamo posti per circa milletrecento attori di oltre 280 serie tv degli ultimi sessant'anni. E le risposte non sono sempre state rassicuranti... Per di più l'opera è ampiamente fotografica (quasi 1500 foto) e pertanto le risposte, circa il destino di questi eroi dell'infanzia di oltre quattro generazioni, arrivano al lettore con una chiarezza spesso fin troppo eloquente.

Nell'arco di quanto tempo è stato raccolto, organizzato ed editato il materiale relativo alle serie televisive che formano la "spina dorsale" dei quattro volumi?

La definizione dei formati, la ricerca delle fonti, la redazione e l'editing dei testi e la ricerca iconografica hanno impegnato una redazione di diciotto elementi per circa un anno e mezzo.

Con quale criterio redazione e collaboratori hanno scelto un format piuttosto che un altro?

C'è stata da parte mia, in quanto curatore dell'opera, una lunga attività preparatoria volta dapprima a individuare di quali telefilm parlare. Una volta individuati, ho dovuto scegliere, di concerto con i miei redattori, un modo in base al quale classificarli (per decade sostanzialmente) sulla scorta di tutta una serie di paletti (necessità di un'articolazione dell'opera in più volumi, foliazione, dimensioni...) che la mia volontà di creare un'opera ampiamente fotografica necessariamente andava a introdurre. Ciò fatto, ogni telefilm aveva a disposizione un numero ben preciso di pagine organizzate a loro volta in base a una serie di gabbie grafiche prestabilite. Al redattore è spettato infine, in base alle risultanze delle rispettive ricerche, optare per una gabbia o per un'altra, essenzialmente in base al numero dei personaggi da trattare e alle loro "gerarchie" in seno al plot dei rispettivi telefilm.

Dopo i primi quattro volumi, sono previste altre uscite nel futuro di "Serialmania"?

Il gradimento dell'opera da parte del pubblico, non disgiunto, cosa particolarmente gradita date le energie profuse, da quello della critica, ci sta solleticando l'idea di aggiungere forse un quinto volume a integrare l'ultima decade, che è quella che ha visto "sacrificato" il numero di telefilm più grande per ragioni di equilibri interni all'opera. Si consideri che ogni dieci anni circa il numero dei telefilm prodotti è andato ampiamente a raddoppiare. Vorrei aggiungere, inoltre, che stiamo riflettendo sull'opportunità di prolungare la collana per inserire le serie tv mancanti e più recenti. Magari pensando ad un  quinto volume, non è invece necessario rivedere l'opera in termini di aggiornamento.

Prossime uscite editoriali di RTI?

Come avrai potuto dedurre dall'infinità di loghi che coloravano il nostro stand, ci sono parecchie pubblicazioni all'anno. Prossimamente saremo in edicola con la collezione in DVD di Squadra Antimafia, Beautiful (in occasione del ventennio della soap), usciremo con prodotti dedicati al mondo kids, cd e DVD Wannadance, Kilari. Stiamo riflettendo anche su progetti legati alla sfera religiosa e al mondo del calcio. In generale, la scintilla da cui si originano le iniziative è quasi sempre l'idea di sviluppare un contenuto o un prodotto sulla base di un programma tv Mediaset.

Sono previsti volumi espressamente dedicati alle serie italiane/straniere andate in onda in questi anni su Mediaset? Se sì quali?

Al momento non sono previste pubblicazioni di questo tipo. Potremmo pensarci per l'autunno, con l'avvento delle nuove produzioni (Cesaroni & co).


Nessun commento:

Posta un commento